Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni in proposito, consulta la nostra cookie policy.

Ho.re.ca
nastro
nastro

Tipi di fermentazione
La bevanda più antica del mondo

La birra è probabilmente la bevanda più antica del mondo prodotta da sempre con acqua, orzo e lievito, poi anche con altri cereali e aromatizzata prima con erbe e infine col luppolo. La birra non è mai stata propriamente inventata, piuttosto si é sviluppata. Come il vino, la birra è frutto di una fermentazione di zuccheri che si realizza attraverso lieviti naturali o selezionati dall’uomo.
Due sono i principali tipi di fermentazione alla base delle sue diverse classificazioni: alta e bassa, cioè Ale e Lager.
La prima è la più antica: l’alta fermentazione avviene a temperatura elevata e il lievito durante questo processo sale in superficie del tino di fermentazione. La seconda, la bassa fermentazione, messa a punto nel secolo scorso, opera a temperature più basse e durante il processo il lievito si deposita sul fondo del tino. Esiste poi una terza categoria di birre, le Lambic, ottenute con una fermentazione spontanea.
In ogni modo, è all’interno delle prime due categorie che una miriade di stili differenzia le birre le une dalle altre.
La birra è oggi una delle bevande più diffuse nel mondo sia in termini di produzione sia di consumo. Riguardo al colore e al grado alcolico, sia le birre Ale sia le Lager possono essere di qualsiasi colore e gradazione. Proprio per questo motivo, esistono molte birre che, pur potendo ricondursi a una di queste famiglie, hanno peculiarità così definite che creano stili a se stanti.

 


I principali stili di birra
Di seguito sono indicati i principali tipi di birra, suddivisi secondo i metodi di produzione.
Lo “stile” di una birra definisce le caratteristiche organolettiche tipiche che si devono riconoscere nel degustare una birra. Può prevedere anche una tipicità storica o territoriale.

Ale

Indica una vasta gamma di tipi di birra, che hanno in comune il fatto di essere ottenute da malto d’orzo e di utilizzare lieviti per l’alta fermentazione, che conferiscono alla birra il tipico sapore ricco e pieno, che unisce insieme corpo maltato, fondo aromatico e retrogusto persistente. Come tutte le birre attuali, anche le Ale sono amaricate col luppolo, che dà loro gusto amaro e lunga durata. Spesso però le varie tradizioni aggiungono al luppolo anche altre erbe e spezie, che bilanciano la dolcezza del malto, rendendole ancora più ricche e tutte da scoprire. Le Ale rappresentano il passato della birra, con tutto il suo splendore, ed oggi sono riscoperte e stanno alla base della moderna rinascita della ricerca birraria. Le Ale si possono suddividere in tre sotto insiemi in base alla provenienza geografica: le Ale Belghe, le Britanniche e le Tedesche (dette “Alt”).

Lager

In generale con la parola “Lager” s’indicano le birre chiare a bassa fermentazione, prodotte in ogni parte del mondo dopo la scoperta di questo metodo a metà ‘800 e della refrigerazione artificiale, in virtù dei quali sono state prodotte queste birre più leggere, pulite e facili da bere. Le Lager sono birre di colore oro pallido leggermente velato, con un sapore generalmente amaro e una gradazione alcolica standard solitamente intorno ai 5% vol. Hanno una buona luppolatura che lascia però spazio anche a toni maltati.

Weiss / Weizen

Sono birre ad alta fermentazione ottenute da una miscela di orzo e frumento. La loro caratteristica principale è la leggera cremosità, il colore naturale biondo opaco, la gradazione media, e un certo carattere speziato e acidulo. Talvolta sono chiamate “birre bianche”, ma non a causa del loro colore, che è anzi spesso di un biondo non trasparente e quasi torbido, ma a causa della schiuma abbondante che scaturisce durante la fermentazione. Sono molto dissetanti e rinfrescanti e facilitano la digestione.

Stout

Sono birre ad alta fermentazione caratterizzate da un colore molto scuro, quasi nero dato da una tostatura molto marcata del malto. Generalmente la gradazione è relativamente bassa, e l’amaro intenso ha note che ricordano il cacao e il caffè, aromi che derivano dalla tostatura ad alta temperatura da cui si ottengono tre prodotti. La loro caratteristica principale è la crema densa e abbondante, color nocciola. Un sottostile delle Stout sono le Porter: hanno colore scuro e gusto torrefatto ma corpo e amarezza meno densi.

Pils / Pilsner

Sono birre di origine ceca, più precisamente boema, che rappresenta probabilmente lo stile più classico fra le lager chiare: sono di colore chiaro o dorato, in genere piuttosto luppolate (quindi più amare), con una schiuma abbondante e un perlage finissimo.

Dunkel e Schwarz

Le birre Dunkel hanno origini antiche. Sono birre caratterizzate da un buon corpo, da un colore ambrato/bruno e da un gusto dolce e maltato. I toni sono spiccatamente tostati, con note di cioccolata e frutta secca (nocciola). Le birre Schwarz (letteralmente “nere”, non facili da reperire) sono più scure e più tostate, una sorta di Stout a bassa fermentazione, magari leggermente più maltate e caratterizzate da note fresche e secche di liquirizia e cioccolato amaro. In genere le Schwarz (scure) tedesche tendono a non avere una gradazione alcolica elevata.

Bock e Doppelbock

Classici stili di origine tedesca, cui appartengono le birre più forti. Le Bock sono a bassa fermentazione e a gradazione elevata (fra i 6,5 e i 7,5 gradi), dense e corpose, con un deciso sapore di malto. Di solito sono chiare, ma il loro colore non è ben definito e può variare dall’ambrato carico al nero. Le Doppelbock sono più forti delle Bock con un tasso alcolico di oltre 7,5% vol. Il loro colore va dal dorato intenso, al bruno, al marrone; il gusto è molto maltato ma con più note caramellate, talvolta bilanciato da una discreta luppolatura.

Abbazia o Abbey

Chiamate così per la tradizione e la cura artigianale con cui sono tuttora realizzate, le birre d’Abbazia nascono anticamente nei vecchi monasteri belgi. Oggi, sono prodotte da birrerie artigianali secondo le ricette del passato e con l’antico metodo medioevale dell’alta fermentazione. Sono birre solitamente corpose e particolarmente aromatiche, di forte contenuto alcolico (tra i 6 a i 9 gradi) per via dell’usanza della rifermentazione in bottiglia. La loro colorazione varia dall’oro carico, all’ambrato, al rosso cupo, al bruno scuro.

Trappista

Le Trappiste sono così chiamate perché prodotte ancora oggi da Abbazie (monasteri) trappiste realmente in attività come luoghi di culto, situate in Belgio (5) e in Olanda (1). Sono le autentiche birre d’abbazia, la cui tradizione è continuata dai monaci per il sostentamento dei monasteri prima che per la vendita all’esterno. Sono birre ad alta fermentazione, spesso rifermentate in bottiglia, con forte gradazione alcolica, un colore dal giallo intenso al nero e una particolare ricchezza di aromi, profumi e sapori, da gustare lentamente assaporandole come il “pane liquido” - come vengono chiamate dai monaci stessi, che le bevono durante i lunghi digiuni dal cibo.

Brochure Birre

Schede Birre in Fusto
Sfoglia catalogo
Scarica catalogo
Schede Birre in Bottiglia
Sfoglia catalogo
Scarica catalogo
Scheda Birra L'Italica 5.0 Puro Malto
Scarica catalogo
Folder Birre Pyraser in bottiglia da cl.50
Sfoglia catalogo
Scarica catalogo
Carta delle Birre Esclusive
Sfoglia catalogo
Scarica catalogo
Folder Linea Falkenturm Bott. cl. 50
Sfoglia catalogo
Scarica catalogo
Folder Lupor Keller Bott. cl. 50
Sfoglia catalogo
Scarica catalogo
Folder Orfrumer Bott. cl. 50
Sfoglia catalogo
Scarica catalogo
Folder Birra König Pilsener
Scarica catalogo
Folder Birre Inglesi Wadworth
Sfoglia catalogo
Scarica catalogo