Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni in proposito, consulta la nostra cookie policy.

Ho.re.ca
nastro
nastro

I Nostri Abbinamenti

Lagrein Alto Adige Doc Weindorf & Gulasch
Gulasch di Manzo, la ricetta altoatesina rivisitata, perfetta in abbinamento con il vino Lagrein Alto Adige Doc

Lagrein Alto Adige Weindorf & Gulasch di ManzoVogliamo chiudere questa stagione invernale proponendo una ricetta davvero gustosa e sicuramente tradizionale: il Gulasch. La versione che vi riportiamo è la classica ricetta altoatesina tratta e adattata, dalla Food Blogger Alessia Gavioli, dal libro “Cucinare nelle Dolomiti” di H. Gasteifer, G. Wieser, H. Bachmann – ed. Athesia. A questo piatto vi consigliamo di abbinare un rosso ovviamente altoatesino: il Lagrein Alto Adige Doc, perfetto in abbinamento con piatti corposi a base di carne.

 

Ingredienti per 4-6 persone:

800 - 1000 gr di carne di manzo (muscolo di coscia, oppure spalla o collo), tagliata a dadi di circa 40 g l’uno

farina q.b.

500 gr di cipolle bionde
4 cucchiai di olio extravergine di oliva, per rosolare
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
200 ml di vino rosso (per me Lagrein)
1 cucchiaino di aceto di vino bianco
2 litri di brodo di carne o di acqua (da utilizzarsi q.b.)

Mezzo cucchiaio di paprica dolce
Una foglia di alloro
Pepe appena macinato q.b.

Sale q.b
1 cucchiaino di cumino (io ho utilizzato in parte cumino e in parte kummel)
mezzo spicchio d’aglio tritato
1 cucchiaino di maggiorana
1 cucchiaino di scorza di limone grattugiata

 

Sbucciate e lavate le cipolle, affettatele a striscioline e fatele dorare nell’olio extravergine di oliva, all’interno di una capiente casseruola. Infarinate leggermente i dadi di carne, al fine di ottenere poi una salsa più legata.

 

A questo punto, la ricetta suggerisce di spostare le cipolle ai bordi della pentola e di fare rosolare al centro i dadi di carne; per questioni di capacità della pentola e di praticità, io vi consiglio di prelevare le cipolle dalla pentola e di conservarle in un piatto, di ungere leggermente il fondo della casseruola con un poco di olio e di rosolarvi la carne a fuoco vivace, mescolandola spesso con un cucchiaio di legno per farla dorare da tutti i lati e prestando attenzione che non si attacchi.

 

Unite nuovamente le cipolle, aggiungete il concentrato di pomodoro e lasciate cuocere brevemente per farlo sciogliere. Cospargete la carne con la paprica dolce, unite la foglia di alloro, bagnate con il vino rosso e l’aceto di vino bianco, lasciateli evaporare facendo ridurre la salsa, quindi salate e pepate. Unite anche gli aromi (cumino, aglio tritato, maggiorana, scorza di limone grattugiata).

 

Aggiungete un paio di mestoli di brodo caldo, coprite con il coperchio e brasate. Il gulasch dovrà cuocere per 2 ore e mezza a fuoco dolce: mescolate di tanto in tanto, aggiungendo altro brodo caldo se necessario a diluire leggermente il sugo (che non deve risultare troppo liquido, ma nemmeno troppo denso, in modo da condire la polenta d’accompagnamento) e aggiustando di sale.

 

Una volta ultimata la cottura, servitelo accompagnato da polenta, purè di patate, canederli di pane (classico l’abbinamento con quelli di speck), oppure riso bianco.


Credits ricetta e foto | Alessia Gavioli
www.muffinscookiesealtripasticci.blogspot.com

 

Come anticipato, il vino più adatto per accompagnare questo piatto regionale non può non essere altro che il Lagrein Alto Adige Doc Weindorfvino della nostra Selezione San Geminiano.